CEFALGOS Q10 30cpr 800mg

PDFStampaE-mail

cefalgosQuasi cinque milioni di persone in Italia soffrono di emicrania, e ogni anno almeno 12 milioni di giornate lavorative sono perse a causa del mal di testa, questo significa un costo sociale pari a oltre 6000 miliardi solo per la perdita di produttività.

I sintomi possono essere così gravi da spingere la persona a cercare un luogo scuro e tranquillo per riposarvi.

L'emicrania è una patologia neurologica cronica caratterizzata da ricorrenti cefalee, da moderate a gravi, spesso in associazione con una serie di sintomi del sistema nervoso autonomo. Di solito viene descritta come un dolore intenso di tipo pulsante, che tende a sorgere lentamente nella parte anteriore o su un lato della testa; l'area in cui è localizzato il dolore può cambiare posizione e aumentare progressivamente di intensità. In un secondo momento, il dolore si associa ad una sensazione di pulsazione grave, che finisce con il coinvolgere fronte e tempie. L'emicrania si manifesta con attacchi ricorrenti, che si presentano con una frequenza molto variabile: da pochi episodi in un anno a 2-3 crisi alla settimana. L'attacco emicranico può durare alcune ore o, nei casi più gravi, qualche giorno.
Alcuni episodi di emicrania sono preceduti o accompagnati da segni o sintomi sensoriali premonitori (aura), come flash di luce, visione di punti neri o formicolio alle gambe o alle braccia. Possono verificarsi anche cambiamenti dell'umore (euforia, iperattività, irritabilità), aumento dell'appetito in particolare per i dolci, o sete. Insieme all’emicrania spesso si presentano nausea, vomito ed estrema sensibilità alla luce e ai rumori. I sintomi dell'emicrania in quasi tutti i casi sono molto caratteristici e da soli permettono la diagnosi.
Una terapia di profilassi è generalmente indicata non solo quando gli attacchi sono ritenuti frequenti (>3-6/mese) ma anche quando sono presenti due o tre volte al mese di lunga durata (48-72 ore) e/o molto disabilitanti. Una buona risposta al trattamento di profilassi viene definita come una riduzione del 50% della frequenza del numero di attacchi/mese o della loro intensità.
Il metabolismo cerebrale risulta alterato in tutti i tipi di cefalee, generando, come diretta conseguenza, una ipereccitabilità generalizzata e il progressivo abbassamento della cosiddetta soglia emicranica. Questa alterazione sembra derivare da un metabolismo ossidativo compromesso.
Si ritiene che l'eziologia possa essere connessa all'intervento di diversi fattori ambientali, biologici e genetici, ma anche emotivi, fisici, alimentari e medicinali. Inoltre, alcune condizioni psicologiche, tra cui la depressione e l'ansia, sono tipicamente associate all'emicrania. Le cause dell’emicrania non sono conosciute con certezza, si sa che intervengono alcune modifiche nelle sostanze rilasciate dal cervello, come la serotonina. Ci sono dei fattori scatenanti del mal di testa, nelle donne soprattutto stress, tensioni, ciclo mestruale e modifiche del ciclo sonno-veglia, con eccessive e pochissime ore di riposo. Tra serotonina ed emicrania c’è sicuramente un rapporto: l'osservazione di una aumentata escrezione urinaria di acido 5-idrossindolacetico (5-HIAA), principale prodotto del metabolismo della serotonina, durante la crisi di emicrania, è indice di una aumentata metabolizzazione della sostanza. La somministrazione di reserpina, farmaco che provoca un rapido rilascio di serotonina dai depositi, scatena, nei pazienti predisposti, la comparsa di un tipico attacco di emicrania, mentre la somministrazione di serotonina risolve o riduce il dolore emicranico insorto spontaneamente o provocato dalla reserpina. I farmaci che potenziano la neurotrasmissione serotoninergica, ad esempio gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina, utilizzati nel trattamento della depressione, possono provocare cefalea; i pazienti che più frequentemente sono colpiti da questo effetto collaterale sono quelli con una storia di emicrania.

Cefalgos® Q10 è un integratore naturale che può essere utile per la profilassi dell’emicrania, per combattere il mal di testa e per le cefalee. La formulazione particolarmente studiata è costituita da tre fitocomplessi (Thanacetum parthenium, Griffonia simplicifolia, Andrographis paniculata), Magnesio, Coenzima Q10, Superossidodismutasi, Melatonina, ed un alto dosaggio di vitamina B2 e B6.

Ricerca e sviluppo

Farma Valens S.r.l.